Alzheimer: nuova scoperta. Hanno lavorato 94mila ricercatori

Fonte: Sanità Domani del 04/04/2019

L’Alzheimer o demenza senile, malattia neurodegenerativa che solo in Italia colpisce più di 600mila persone, è sempre al centro di nuovi studi, anche perché, secondo le stime, nei prossimi anni vedrà triplicare il numero di pazienti.

Di rilievo è l’ultima ricerca a livello internazionale, cui ha partecipato anche l’Università degli Studi di Milano.

Riguarda la scoperta di cinque varianti genetiche che hanno permesso di identificare nuovi potenziali geni implicati come fattori di rischio per l’insorgenza dell’Alzheimer.

Si tratta del più grande studio genetico condotto finora.

CI HANNO LAVORATO 94MILA RICERCATORI

Sono oltre 300 i gruppi di ricerca con esperti provenienti da molti Paesi europei e dagli Stati Uniti che hanno studiato il Dna di più di 94mila persone.

Il progetto hanno partecipato Daniela Galimberti, ricercatore del Dipartimento di Scienze biomediche, chirurgiche e odontoiatriche, del Centro Dino Ferrari della Statale, specializzato in ricerca, diagnosi e terapia delle malattie neuromuscolari e neurodegenerative ed Elio Scarpini, docente del Dipartimento di Fisiopatologia e Trapianti dell’Università Statale di Milano.

La ricerca ha confermato il ruolo di diversi geni identificati già in precedenza come fattori di rischio per l’insorgenza della malattia – come quelli legati al metabolismo dei lipidi, della proteina beta amiloide e della proteina Tau – ma sono stati anche identificati nuovi geni candidati, fortemente associati all’infiammazione e all’immunità.

La dottoressa Daniela Galimberti pone in evidenza che “i risultati che abbiamo ottenuto sottolineano come l’immunità di base, se alterata, abbia importanti ripercussioni sull’insorgere della malattia”.

“I risultati genetici oggi pubblicati confermano che i meccanismi causali della malattia di Alzheimer hanno una significativa componente immunologica, con importanti implicazioni per le future strategie terapeutiche”, commenta il dottor Elio Scarpini.

Sostieni la ricerca del Centro Dino Ferrari

Rimani aggiornato, iscriviti alla nostra

Newsletter