Parkinson: al Centro Dino Ferrari la ricerca non si ferma!

“Il Centro Dino Ferrari dell’Università degli Studi di Milano negli ultimi anni ha intrapreso con vigore la ricerca sulla Malattia di Parkinson, e con altrettanto impegno proseguirà nel futuro”

a cura del Dott. Alessio Di FonzoGruppo malattia di Parkinson e altri disturbi del movimento

Abbiamo appreso con grande rammarico la notizia che una grande impresa farmaceutica statunitense – la Pfizer – ha annunciato l’interruzione della ricerca nel settore delle malattie neurodegenerative, incluso un ambito che ci è particolarmente caro, quello della Malattia di Parkinson.

Questa malattia colpisce circa 230.000 persone in Italia e più di 10 milioni nel mondo. Tali numeri, già allarmanti, sono destinati ad aumentare rapidamente nei prossimi anni, poiché l’allungamento della vita media della popolazione determinerà un aumento delle patologie associate all’invecchiamento e, tra queste, delle malattie neurodegenerative, di cui il Parkinson è una delle più frequenti.

Oltre al preoccupante dato epidemiologico, inoltre non va dimenticato l’intenso carico organizzativo, economico e soprattutto emotivo che riguarda non solo i malati, ma anche le persone che se ne prendono cura, i cosiddetti caregiver.

Comprendiamo bene, quindi, il dispiacere provato dai pazienti e dai loro familiari, che tuttavia non si devono abbattere, perché nulla è perduto. Infatti, per un’azienda che si arrende, ci sono altre decine di università, istituti clinici di ricerca pubblici e privati e case farmaceutiche che non rinunciano alla sfida e continuano a lavorare con dedizione allo scopo di conoscere più a fondo la malattia e trovare terapie finalmente curative.

Il Centro Dino Ferrari dell’Università degli Studi di Milano negli ultimi anni ha intrapreso con vigore la ricerca sulla Malattia di Parkinson, e con altrettanto impegno proseguirà nel futuro. Ciò grazie alla tenacia dei suoi giovani ricercatori e al sostegno finanziario del Fresco Parkinson Institute, il cui principale scopo è la formazione di una rete di eccellenza in Italia per la cura e la ricerca sulla Malattia di Parkinson e la promozione di centri altamente qualificati secondo standard internazionali.

Cari pazienti e caregiver non abbiate paura, non siete stati abbandonati!

 

Aiuta la Ricerca sul Parkinson. Il tuo contributo può migliorare la Qualità della Vita di molti Pazienti!

 

Rimani aggiornato, iscriviti alla nostra

Newsletter